La visione dermica


La visione dermica o visione paroptica, è la presunta capacità di “veder
e” con la pelle. Se fosse possibile accettarla come fatto reale, essa farebbe pensare che la pelle contenga dei fotorecettori o dei recettori sensibili ai differenziali elettrostatici. Alternativamente, non è escluso che la visione dermica sia un fenomeno paranormale. Uno degli esponenti più noti della visione dermica fin dagli anni ’30;  fu Kuda Bux, un attore di varietà pakistano che si è specializzato nel leggere, nell’andare in bicicletta e nel guidare l’automobile con gli occhi bendati.awahunting_screen Nel 1934  permise a  un team di esperti e scienziati di farsi sigillare gli occhi con  carta stagnola, garze e strati di bende di lana per poi leggere dai libri collocati di fronte a lui. Nel 1935, di fronte ad una platea di scienziati dell’Università del Consiglio Londra per la ricerca psichica, Kuda Bux ha dimostrato di rimanere illeso camminando sul fuoco attraverso una fossa di carboni ardenti. Nel 1945, guidò sapientemente una bicicletta attraverso la Times Square congestionata dal traffico, mentre i suoi occhi erano chiusi nastrati.

Negli anni ’60 la visione paroptica diventò un importante tema di sperimentazione nell’Unione Sovietica. Nel 1962 una giovane donna, Rosa Kulesola, disse al suo medico di poter vedere con le dita. Dai test risultò che la donna riusciva effettivamente, con gli occhi bendati a dire il colore dei fogli di carta, e descrivere delle fotografie e a dire il nome di oggetti che li venivano messi davanti.

Purtroppo Rosa e altri soggetti che si ispiravano al suo esempio furono sorpresi a imbrogliare. Nel 1964 però, per escludere ogni possibilità di inganno, un ricercatore paranormale bulgaro, il dottor G. Lozanov, fece degli esperiementi con sessanta bambini ciechi fin dalla nascita, e in più di 400 test scopri’ che la maggior parte di essi poteva essere addestrata a “vedere”qualcosa con la pelle.

La visione paroptica fu al centro di un nuovo interesse negli Stati uniti verso la fine degli anni ’60. R.P Youtz e Caroll B. Nash condussere dei test sulla visione delle punta delle dita e si convinsero che i soggetti potevano distinguere le differenze di colore da piccole variazioni di temperatura. Il nero, per esempio è leggermente più caldo degli altri colori, poichè assorbe di più il calore. Non si può per altro considerare visione questo senso della temperatura. awahunting_screenIn seguito la Nash ideò una scatola che copriva tutta la testa fino alle spalle, in modo da escludere qualsiasi possibilità di sbirciare. Poi mise alla prova la capacità dei soggetti di distinguere il rosso e il nero. C’erano tre tipi di bersagli: scoperti, coperti con un foglio di cellofan alto 0.03 mm, e coperti con una lastra di vetro di 3 mm di spessore. Dei sessanta oggetti messi alla prova con fogli di carta rossi e neri scoperti, cinquantanove superarono il punteggio attribuibile al puro a caso, contro i trentasei su cinquantadue messi alla prova con bersagli coperti dal cellofan e contro i solo venticinque di quarantatrè degli esperimenti coi bersagli coperti con il vetro.

I risultati furono interpretati come tali da far pensare alla percezione dermica più che alla chiaroveggenza, in quanto non ci sarebbero molte ragioni per attendersi differenze cosi’ marcate se c’entrasse in qualche modo la psi. Molte cose però stanno ad indicare che per percepire bersagli riflettenti e non vengono usati diversi tipi di psi.

2 thoughts on “La visione dermica

  1. Non conoscevo questo tipo di visione. Il video non si vede più purtroppo, l’hanno tolto.
    Ma ai nostri giorni esiste qualcun altro con questa capacità?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s