Jesus Malverde il Santo dei Narcos


Nel nord-ovest del Messico, tra le montagne della Sierra Madre e l’oceano Pacifico, c’è lo stato di Sinaloa che è conosciuto come la “culla del narcotraffico”. La sua capitale dello stato, Culiacán, è la capitale della droga di tutto il paese. Una media di un paio di decessi per droga sono segnalati ogni giorno, e la violenza della droga tra polizia e bande di narcotrafficanti rivali è comune in città. Tuttavia, proprio dietro l’angolo dell’ufficio del governatore, sul lato opposto dei binari ferroviari, un santuario esiste come un’ amalgama di narcocultura e il suo cattolicesimo. 21775557-547e7e3b5a460Lì rende omaggio a Jesús Malverde, chiamato anche il narco-santo. Un flusso costante di persone di solito può essere trovato lì, ponendo candele vicino a busti, lasciando fotografie incorniciate dei propri cari che desiderano guarigione o protezione. Si può pregare per il ringraziamento per i raccolti abbondanti di marijuana e di papavero, o per una cura tempestiva per la malattia di qualcuno. I racconti sulla sua vita sono vari, ed è impossibile chiarire quali aspetti sono reali e quali sono frutto dell’immaginazione. In sintonia con le credenze locali, Jesús Malverde fu un bandito che operava sulle alture di Culiacán. Assaltava e derubava i fattori e i proprietari terrieri della regione, come i Martínez de Castro, i Redo, i De la Rocha o i Fernández: e poi distribuiva la refurtiva tra la gente povera.

Si racconta che il padre fosse morto per fame, vittima degli abusi dei latifondisti, e che questo fu il motivo che lo spinse a diventare un bandito. La tradizione vuole che, prima di darsi alla macchia, Malverde abbia fatto il muratore o che abbia lavorato alla posa dei binari ferroviari. Si suppone che abbia lavorato alla posa della linea occidentale del Messico e a quella del sud-pacifico, linea che giunse a Culiacan dal nord nell’anno 1905. I suoi ripetuti assalti agli oligarchi fecero sì che il governatore dello Stato, il generale Francisco Cañedo, offrisse una ricompensa per la sua cattura. Ricercato dalle autorità, Malverde sarebbe morto il 3 maggio del 1909.Esistono versioni divergenti sulla sua morte: secondo alcuni fu catturato e giustiziato dalla polizia; secondo altri un suo compagno lo tradì per riscuotere la taglia offerta dal governo, per altri fu impiccato. La versione più diffusa Secondo una leggenda, Jesús Malverde è stato “il Robin Hood messicano”. Fu colpito, durante uno scontro con i tutori della legge, da un proiettile, cosa che gli procurò una cancrena. Malverde, sapendo di non poter sopravvivere e che la ricompensa per la sua cattura aumentava, sopportò il dolore fino a quando chiese ad un suo compagno di consegnarlo per riscuotere la taglia che poi sarebbe stata distribuita ai poveri. Egli stesso non ha trafficato di stupefacenti, ma dopo la sua morte la sua fama di fare miracoli ha preso piede tra i residenti degli altipiani di Sinaloa. awahunting_screenMalverde è diventato il santo patrono per molti trafficanti di droga, anche se la diocesi locale ritiene che la cappella dedicata a Malverde sia una vergogna. I sacerdoti lamentano la glorificazione di un uomo che ha rapinato e ucciso; anche se i cittadini di Sinaloa trovano piu’ difficile avere fiducia in un sistema politico che impone una guerra alla droga responsabile per le molte morti del proprio popolo. Gli storici non riesco a trovare la documentazione della sua esistenza, ma anche dei miracoli come la guarigione dei ciechi e storpi, il ritorno del bestiame perduto, e il salvataggio di un uomo che sta annegando sono stati attribuiti a lui. Una teoria è che il governatore lo ha arrestato inventato la leggenda Malverde per tenere sotto controllo gli abusi dai suoi proprietari terrieri più brutali. Presumibilmente, negli anni 70, il capo Julio Escalande diede ordine di uccidere suo figlio Raymundo per fare affari senza che lui si intromettesse. Quindi, fucilato e gettato in mare, Raymundo chiese aiuto a Malverde e fu salvato da un pescatore. Da quel momento, famosi narcotrafficanti come Rafael Caro Quintero, Ernesto Fonseca y Amado Carrillo Fuentes cominciarono a frequentare la cappella di Malverde Gilberto López Alanís, tuttavia, ritiene che il legame di Malverde con il narcotraffico rappresenti una deformazione del culto. Anche Jesús Manuel González, responsabile della cappella di Jesús Malverde a Sinaloa, respinge questa connessione con i “Narcos”. Per molti, l’esistenza di Malverde è reale. Secondo una tradizione il suo nome era Jesús Juárez Mazo, nato il 24 dicembre del 1870, e che “Malverde” era un soprannome derivato da “el Mal Verde”, dato che dirigeva i suoi assalti da un boschetto verde su di un monte. Alla fine del 2004, Gilberto López Alanís, direttore del Archivio storico di Sinaloa, trovò nell’archivio del Registro Civile di Culiacán un atto di nascita del 1888 di un bambino chiamato Jesús Malverde, figlio di Guadalupe Malverde.

Alcuni cittadini Culiacán sostengono che Jesús Malverde si sia rivelato per vedere la demolizione del mucchio di sassi che presumibilmente hanno segnato il luogo dove fu sepolto. Si dice anche, che i ciottoli abbiano cominciato a saltare come popcorn e che l’operatore bulldozer dovette ubriacarsi per avere il coraggio di rotolare su di esso. E infine la macchina si ruppe quando toccò la tomba.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s